Razionare l’energia?

by

Il mondo è anomalo e poco razionale, ma l’Italia è un caso davvero particolare di questa anomalia. Mentre qui sembra che non si possa ragionare d’altro se non delle abitudini erotiche del Presidente del Consiglio, altrove si ragiona su come ci divideremo le risorse rimaste.

È uscito da poco questo rapporto creato da un gruppo di lavoro della House of Commons britannica che si occupa del Picco del Petrolio e del Global Warming (APPGOPO*). Sappiate anche che è il secondo del suo genere e che, magari siete nuovi e vi sono sfuggite le puntate precedenti, in Inghilterra grandi operatori economici e la politica nazionale già discutono apertamente di tutto questo.

“Ma come” direte voi “il governo inglese si preoccupa delle stesse cose di cui ci si preoccupa nelle Transition Towns?”. Beh sì e anche grazie alle Transition Towns stesse. Questo per farvi capire come si può partire dal cortile del condominio e finire in 4 anni a influenzare il governo centrale di un paese**.

Tornando a noi, con il rapporto TEQs (potete scaricarlo qui in pdf – ovviamente è in inglese) si ragiona su come si farà a gestire una situazione così determinante per il futuro del mondo industrializzato ipotizzando un sistema di bilanciamento tra consumi ed emissioni che premierà i virtuosi e scoraggerà gli spreconi (mi perdonino gli estensori del rapporto per la brutale sintesi).

Si fa sul serio dunque, si discute anche di chi avrà diritto ad usare il carburante disponibile, cose pesanti, cose enormi…

If fuel scarcity, rather than emissions reduction, is the tighter constraint on the economy, a rationing system will be required to sustain a fair entitlement of the available fuels. Without this, fuel poverty would quickly turn into actual fuel deprivation. This use of TEQs as a rationing instrument requires only a switchover to new settings in the software which governs the system.

Se la scarsità di carburanti, invece della riduzione delle emissioni, fosse la causa maggiore della crisi economica, sarebbe necessario un sistema di razionamento per assicurare una giusta distribuzione del carburante disponibile. Senza questo, la scarsità di carburante si trasformerebbe presto in una effettiva assenza di carburante. L’uso delle TEQ come strumento di razionamento richiede semplicemente un cambio del setting nel software che controlla il sistema.

Non si ha paura di guardare in faccia al futuro e si cercano possibili soluzioni. Ora, visto che il bungabunga abbaglia e pervade il panorama mediatico del nostro paese, mi premeva farvi sapere che intanto il mondo va avanti, i problemi si acutizzano, ecc.

* All Party Parliamentary Group on Peak Oil – creato nel 2007 raggruppa membri di tutti i partiti.

** non vorrei darvi però l’impressione che il governo UK sia sulla strada buona per risolvere i problemi, ma almeno là se ne parla.

Tag: , ,

7 Risposte to “Razionare l’energia?”

  1. Petrolio, un paio di aggiornamenti. « Says:

    […] il petrolio, se può, potrebbe cominciare a tenerselo. Non è un caso che gli inglesi ragionino sui razionamenti e che gli eserciti si stiano preparando a queste […]

  2. Carburanti: la scarsità è già qui? « Transition Italia Says:

    […] che nello stesso anno un gruppo di lavoro della House of Commons inglese inizi a lavorare sulle TEQs (grazie a Dario ora le abbiamo anche in italiano) come strumento di gestione e razionamento della […]

  3. Carburanti: Il Picco del Diesel è già quà? « Says:

    […] che nello stesso anno un gruppo di lavoro della House of Commons inglese inizi a lavorare sulle TEQs (grazie a Dario ora le abbiamo anche in italiano) come strumento di gestione e razionamento della […]

  4. Razionare l’energia (parte II). Le TEQs in italiano. « Transition Italia Says:

    […] tempo fa Cristiano aveva pubblicato un articolo dal titolo Razionare l’energia? relativo alle TEQs, un documento commissionato e seguito da un gruppo trasversale ufficiale di […]

  5. Domenico D'Ambrosio Says:

    “C’è una forma di energia ancora più pulita del sole, ancora più rinnovabile del vento: è l’energia che non consumiamo”
    Arthur H. Rosenfeld

    http://www.multilingualarchive.com/ma/enwiki/it/Arthur_H_Rosenfeld

    http://en.wikipedia.org/wiki/Arthur_H._Rosenfeld

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ettore_Majorana

    http://en.wikipedia.org/wiki/Enrico_Fermi

  6. Domenico D'Ambrosio Says:

    “Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all’infinito in un mondo finito è un folle, oppure un economista”
    Kenneth Boulding (economista, pacifista e poeta statunitense, 1966)

  7. Dal Sito di Transition Italia un articolo interessante sulle Quote Energetiche Commerciabili | La BioSporta Says:

    […] tempo fa Cristiano aveva pubblicato un articolo dal titolo “Razionare l’energia?”  relativo alle TEQs, un documento commissionato e seguito da un gruppo trasversale ufficiale di […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: