Posts Tagged ‘rischi’

Il rischio nucleare

3 Maggio 2011

Vi invito a leggere questo bell’articolo di Domenico Coiante sulla comprensione del rischio nucleare. È lungo e non è facilissimo, ma è il modo in cui sarebbe bene cominciare ad affrontare la realtà per provare a capirci qualcosa.

Il rischio statistico di incedente nucleare catastrofico sembre infatti basso. Il rischio di morire per le conseguenze di un incidente nucleare di questo tipo sembra ancora più basso. C’è qualcosa però che va oltre questo modo “statistico” di osservare il mondo. I numeri non sono in grado di raccontare tutto, non tutto quello che ci interessa davvero, non tutto quello che è davvero importante, non tutte le conseguenze.

Buona lettura e grazie a Domenico per questo suo contributo.

Rapporto BIS: Il futuro del cibo

31 gennaio 2011

Sempre più spesso i livelli istituzionali si stanno preoccupando dei problemi reali che stiamo affrontando e dovremo affrontare nei prossimi anni. In questo nuovo rapporto del Dipartment for Business Innovation & Skills del governo inglese, il tema del cibo emerge in tutta la sua intensità.

Come mangeremo? È davvero una bella domanda e le risposte sono ancora vaghe. Solo i rischi imminenti appaiono abbastanza chiari. Gli angloabili possono scaricare lo studio qui.

Per gli altri traduco qui al volo un paio di passaggi che aiutano a capire il senso dello studio. Nella prefazione ad esempio si inizia così:

The case for urgent action in the global food system is now compelling.We are at a unique moment in history as diverse factors converge to affect the demand, production and distribution of food over the next 20 to 40 years.

Un’azione rispetto al sistema globale della produzione di cibo è ora urgente. Siamo in un momento storico unico nel quale diversi fattori convergono e influiranno su domanda, produzione e distribuzione del cibo nei prossimi 20/40 anni.

E più avanti:

Many systems of food production are unsustainable. Without change, the global food system will continue to degrade the environment and compromise the world’s capacity to produce food in the future, as well as contributing to climate change and the destruction of biodiversity.

I principali sistemi per la produzione del cibo non sono sostenibili. Senza cambiamenti, il sistema globale della produzione di cibo continuerà a degradare l’ambiente e a compromettere la futura capacità del pianeta di produrre cibo, oltre a contribuire al cambiamento climatico e alla distruzione della biodiversità.

Insomma avere capito, si tratta di una nuova finestra su quella realtà che fino ad ora abbiamo abbastanza efficacemente nascosto, ma che ormai si manifesta in modo così evidente che non resta altro da fare che prenderne atto e rimboccarsi le maniche.

Per chi volesse qualcosa in italiano sull’argomento (problemi e possibili soluzioni) vi rimando alla traduzione del lavoro sulla “Transizione Agroalimentare” del Post Carbon Institute Usa. Potete scaricarla qui.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: