Archive for the ‘Senza Categoria’ Category

Doppio appuntamento transizionista in Brianza

31 marzo 2015

Tenetevi liberi il 10 e 12 aprile! Neanche a farlo apposta capitano in Brianza due eventi in transizione nello stesso fine settimana 🙂

Il primo sarà venerdì 10 aprile alle 21.00: un Transition Talk a Lissone (MB), presso la sala polifunzionale della Biblioteca Civica (piazza IV Novembre, 2).

Sarà una serata introduttiva in cui cercheremo di capire cosa sta succedendo attualmente tra cambiamento climatico, picco del petrolio e crisi economica e poi vedremo qual è l’approccio della Transizione di fronte a questa crisi sistemica.

Naturalmente in un paio d’ore non si riesce ad approfondire proprio tutto… quindi per chi volesse saperne di più su Transizione ed economia, c’è una preziosa occasione il 12 aprile alle 16.00: a Sovico (Via Giovanni da Sovico, 96) avremo ospite Giulio Pesenti Campagnoni di Santorso in Transizione che ci parlerà di Ri-economy.
Questo incontro è il quarto della rassegna “Carote a Catinelle” organizzata dall’associazione L’Orteria di Macherio.

Aspiranti transizionisti della Brianza, vi aspettiamo!

Per informazioni su entrambi gli eventi: lorteria@gmail.com

Transition Talk Lissone

Assemblea Transition Italia

9 marzo 2015

fr121-300x225

Approvazione bilancio, rinnovo cariche, baldoria… l’assemblea è riservata ai soci di Transition Italia.

SABATO 2 MAGGIO 2015

DALLE 10 ALLE 13

presso la sede di Zoè Teatri – Lame in Transizione

CENTRO CIVICO LAME BORGATTI

via Marco Polo 51 Bologna

Vai all’evento facebook

Scala Mercalli: avete voglia di fare?

2 marzo 2015

034_Scala-Mercalli-diretta

Ok gente, ora ci sarebbe bisogno del vostro aiuto, se avete apprezzato il programma di Luca Mercalli bisogna farlo sapere alla RAI in modo che chi cerca di portare certi temi all’interno del servizio pubblico abbia un supporto ai propri argomenti.

Non è certo un programma facile da mandare in prima serata al sabato sera, gli ascolti sono andati benino, ma non dobbiamo lasciare che questo sia il parametro principale su cui la struttura RAI debba prendere decisioni.

Il mio suggerimento è di procedere quindi in modo attivo a manifestare il proprio supporto a iniziative culturali di questo genere.

Se concordate, scrivete alla redazione, o sulla pagina del programma. Va bene tutto, dai semplici complimenti, ai consigli, alle critiche costruttive (il programma è certo ampiamente migliorabile).

Se ogni tanto vi chiedete “ma io cosa posso fare?”, ecco, questo puoi farlo certamente.

Se le informazioni chiave non saranno rese disponibili e chiare a milioni di persone, difficilmente potremo avere cambiamenti nella scala in cui servono. Al momento non si tratta tanto di parlare di Transizione, ma di dare accesso a tutti a uno scenario di sistema che continua a rimanere nascosto.

Se qualcuno volesse rivedere la trasmissione, per un po’ starà qui:

http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html…

La prima puntata di Scala Mercalli

1 marzo 2015

La trovate qui per 7 giorni.

http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2015-02-28&ch=3&v=483765&vd=2015-02-28&vc=3#day=2015-02-28&ch=3&v=483765&vd=2015-02-28&vc=3

Un’intervista su “Italia che Cambia”

19 febbraio 2015

Qui: http://www.italiachecambia.org/2015/02/ricreazione-sette-giorni-eco-mondo-transizione-scuola/

un’intervista alle realizzatrici del documentario sulle iniziative di Transizione in Italia, che comincia così…

In Italia sono nate oltre trenta comunità di transizione [..] Lo scorso anno tre giornaliste hanno deciso di girare il Paese per incontrare queste realtà e quindi raccontarle in un documentario. Per saperne di più abbiamo intervistato Giulia Dedionigi, Carlotta Garancini e Simona Peverelli che ci hanno raccontato questa esperienza e parlato del reportage “Ricreazione: sette giorni per un eco mondo”. – Continua a leggere su: Italia che Cambia

Open Space a Santorso!

7 febbraio 2015

ostinatamente2-video-01

Il 28 febbraio e il 1 marzo a Santorso si terrà un Open Space Technology, una grande occasione di incontro, confronto e celebrazione per tutti i transizionisti attivi nell’Alto Vicentino.

Il simbolo dell’OST dell’anno scorso era un grande albero pieno di teste pensanti – il primo principio della permacultura.

Quest’anno ci siamo allora ispirati al secondo principio: ‘cattura e immagazzina energia’. Ma quella bottiglia con il sole dentro rendeva poco.. 🙂

Se siete nelle vicinanze veniteci a trovare!

Per informazioni e per iscriversi, andate qui.

Ps: A Santorso abbiamo sperimentato poco tempo fa un laboratorio di Visione e Backcasting. È stata un’esperienza nuova e per molti di noi rivoluzionaria! Se siete curiosi di sapere cosa abbiamo fatto andate qui.

Attenti alla neve

5 febbraio 2015

Questo post meteo è mirato ai transizionisti emiliano romagnoli: la neve è un fenomeno meraviglioso e affascinante ma subdolo da prevedere, la famosa farfalla che batte le ali in tibet può sconvolgere le previsioni, soprattutto per la pianura dove in condizioni al limite basta mezzo grado e tutto cambia, dalla neve alla, come in Romagna, pioggia battente. Ecco perché occorre prudenza e continua valutazione della situazione, che ora vede proprio in azione la classica “depressione tirrenica nevosa”.

Manifestazione di protesta contro il global warming di centinaia di pupazzi di neve

Attenzione dunque alla neve che già cade copiosa su tutto l’Appennino e inizia a fare la sua comparsa sempre più seria anche nella pianura Emiliana. Attenzione anche alla pioggia che, unita al forte vento di bora e alle mareggiate, sta creando, e creerà ancora oggi e domani, vari problemi e disagi in Romagna. In particolare nella notte e fino a venerdì pomeriggio le precipitazioni si intensificheranno notevolmente, con fitte nevicate in tutto l’Appennino e nella pianura emiliana; il global warming che fine ha fatto, direte? D’inverno è pur sempre inverno e se il mare, come ora, è più caldo del normale le perturbazioni si fanno più cariche di precipitazioni. Proprio per questo, nonostante sia inverno, la neve che cade è molto bagnata e di difficile stima in pianura nella sua quantità; tenete presente che ciò che provoca i maggiori problemi non è la quantità ma la qualità, sarà una neve molto pesante e anche 5-20 cm possono dare più problemi di nevicate abbondanti ma farinosa.

Meglio dunque non farsi cogliere impreparati, consultate l’allerta della protezione civile (a cui è seguita una nuova allerta per la Romagna e una per valanghe)  e, come consigli… transizionisti preparatevi ad eventuali black out anche prolungati e problemi di viabilità. In pianura dove la precipitazione sarà piovosa (Romagna in particolare) probabili allagamenti e piene di fiumi, torrenti e canali (attentissimi ai soliti sottopassi). Dove nevicherà la neve, molto bagnata, se si accumula potrà portare anche qui black out, caduta di rami e appesantire tetti e strutture.

Altro? Una nevicata è una cosa bella e normale, era normale per i nostri nonni, prendetela con filosofia transizionista e fatevi raccontare dagli anziani come si viveva e come si faceva ai loro tempi dove la neve era la norma e non l’eccezione. Ricordatevi che in casa al caldo la neve ha il suo fascino romantico, ma se vi fate cogliere in auto per andare a fare shopping, in palestra, a cena fuori ecc può diventare un incubo. E se in casa salta la luce e vi accorgete anche che alcuni tipi di stufe a legna o pellets senza riscaldamento, alla faccia della resilienza, non vanno… un bel maglione, una coperta e un mazzo di carte al lume di candela rimpiazzano sono poco network ma molto social!

Una domenica di ordinaria Transizione

29 gennaio 2015

Stesso giorno (domenica 1 febbraio), stessa ora (be’, quasi!), due incontri sulla Transizione a Forlì e Sovico!

Andrea ha organizzato a a Forlì il primo incontro tra persone interessate alla Transizione, per conoscersi di persona e non più con il filtro di un monitor, stringersi la mano e guardarsi in faccia. Nascerà qui la prossima iniziativa di Transizione italiana? Chissà! Intanto chi è in zona può incontrarsi con Andrea e gli interessati alle 16.30 presso il maneggio “Il raggio di Sole”  in via Pertini 6. Trovate tutte le informazioni logistiche a questo link: https://www.facebook.com/events/1396695297298215/

In contemporanea a Sovico (MB) ci sarà un Transition Talk organizzato insieme all’Associazione L’Orteria di Macherio, con la quale abbiamo pensato a una serie di eventi da non perdere su permacultura, ri-economy, biodiversità e tanti altri argomenti interessanti…a breve la locandina con tutte le date! Iniziamo questa domenica con un incontro sulla Transizione alle 16.00 presso lo Studio Apeiron in Via Giovanni da Sovico 96. Ecco il link all’evento con tutte le informazioni: https://www.facebook.com/events/833051016740660/?pnref=story.

Per tutti gli interessati in zona Forlì o Brianza: passate a trovarci (e portatevi il “transition kit” con magari qualcosa di buono da condividere, perché se non si fa festa insieme, che Transizione è?).

CONFERMATO SEMINARIO RESILIENZA PERSONALE

26 gennaio 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 – dalle 16:30 alle 20:30 – a Verona, presso l’Opificio dei Sensi
Seminario con Mark Boylan
Indirizzato specificamente ai FACILITATORI di TRANSIZIONE

Durante questo workshop esploreremo insieme come possiamo nutrire la nostra resilienza personale: la resilienza del corpo, del cuore e della mente. E come possiamo sviluppare la resilienza dei nostri network, delle nostre reti e delle nostre organizzazioni. Organizzazione a cura di Silvana Rigobon

Per iscriversi compilare il  modulo http://goo.gl/forms/orP29oSOZs

Permatransition il 24 e 25 gennaio: Permacultura umana e di comunità

20 gennaio 2015

Il prossimo week end a Monteveglio si terrà il quinto modulo del corso di Permatransition, tutto dedicato alla Permacultura umana, sia individuale, che di comunità e di connessione con l’ambiente e i suoi flussi energetici.

Partiremo dal movimento di Transizione per arrivare a capire come sia necessario e utile riprogettare non solo le nostre comunità, ma anche il nostro modo di vivere e pensare.

Particolare attenzione verrà data all’esplorazione di ciò che significa, per ognuno di noi, essere connesso alle proprie risorse profonde, sia individualmente che come gruppo, che con l’ambiente.

Questi sono gli strumenti che, secondo noi, permettono di attuare in modo autentico e integrato la progettazione in Permacultura, sia essa agricola, sociale o di qualunque altro tipo.

 

treehouse[1]

 

Per info e iscrizioni: Davide  davboch@hotmail.com


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: